Cerca
Close this search box.

Scrivere un articolo su WordPress in ottica SEO

In questo articolo parleremo di come i professionisti scrivono un articolo di Blog in ottica SEO per avere un buon posizionamento sui motori di ricerca.
I primi articoli di Blog che ho fatto, quando ho cominciato il mio primo lavoro in una Web Agency, si posizionavano molto bene senza alcuna fatica. Il cliente era contento, io ero contento e tutti vissero felici!
Ma questo è stato 10 anni fa!
Ora non è più così! Questo perché il mercato è diventato molto più competitivo. Infatti possiamo trovare 1 Miliardo di Blog Online…. e non è un numero sparato a caso… ci sono circa 1 Miliardo di Blog Online!
Fermati solo 1 secondo a pensare a questa cifra: 1.000.000.000 di Blog… si tratta di un Blog ogni 7 persone!
Proprio per questo i Blog si sono mossi da un “gioco di quantità” a un “gioco di Qualità”
Oggi non basta più scrivere un articolo e sperare che il buon Google ce lo posizioni bene. Ti dirò di più… scrivere un articolo di blog. porta via molto tempo che rischiamo di buttarle via se non abbiamo una strategia e se non facciamo una serie di operazioni preliminari!
QUANTO TEMPO CI VUOLE PER SCRIVERE UN ARTICOLO DI BLOG?
Da una ricerca, è emerso che in media, chi lo fa per lavoro, spende circa 4 ore, per la creazione di un articolo di Blog.
Nell’immagine qui sotto, puoi vedere la lunghezza media dei contenuti posizionati nella prima pagina di Google.
Si parla di articoli che hanno in media di 2300-2400 parole.
Se ti sembra un sacco di lavoro è perché effettivamente è proprio così !!
PRIMA DI SCRIVERE UN ARTICOLO DI BLOG
STRATEGIA
Prima di scrivere un articolo di blog è bene iniziare a creare una strategia.
Come spero tu abbia già fatto, apri Keywords Everywhere (se devi ancora installarlo, clicca qui http://bit.ly/keywords-facili ) e comincia a googlare !!
Cerca le parole chiave più attinenti con la tua attività, domande che le persone potrebbero porsi suoi tuoi prodotti o servizi.
Ora voglio che salvi (cliccando la stellina di fianco) ogni singola parola chiave, con un numero significativo di ricerche.
Una volta completata la ricerca, puoi tranquillamente aprire l’estensione di Keywords Everywhere e clicchi “My Keywords”. Dovresti trovare la lista di tutte le parole chiave che hai salvato e puoi anche esportarla.
Di fianco alle parole chiave troverai anche il grado di competitività!
Cominceremo a scrivere articoli per quelle parole chiave che hanno un alto numero di ricerche e un basso grado di competitività!
Solo in seguito allargheremo il nostro range di keywords.
RICERCA
Ora per la query che hai scelto, voglio che tua faccia un pò di ricerca.
In particolare cerca quella determinata parola chiave su Google e analizza i primi 10 risultati che ti da il motore di ricerca.
Una volta che hai letto tutti i primi 10 risultati, avrai una panoramica abbastanza chiara di cosa Google ritiene rilevante per quella determinata query.
SUGGERIMENTI PER LA SCRITTURA DELL’ARTICOLO
Ora veniamo alla pratica…il trucco fondamentale è armarsi di tanto caffè ☕️😆
Una volta che hai finito di bere il caffè, puoi iniziare.
Ricordati sempre il tuo scopo, che è quello di dare la massima utilità all’utente che sta cercando effettuando quella ricerca!
Tutto il seguito ti sembrerà una logica conseguenza.
Veniamo ai suggerimenti:
  • Meta Title e Description: devono contenere le parole chiave per le quali stai cercando di posizionarti e in qualche modo devono cercare di portare l’utente a cliccarti, senza però trarlo in inganno. Se ti fermi un attimo a pensare alla pagina di risultati di ricerca di google, non sono altro che titoli e descrizioni… In qualche maniera possiamo manipolare la scelta dell’utente su quale risultato andrà a cliccare. Infatti è dimostrato che aggiungere un numero sul Title della pagina, aumenta del 40% il CTR… Mettere un simbolo, come una parentesi quadra [ fa aumentare il CTR di un altro 20-30%. Cosa significa, che se siamo posizionati al 3 risultato di ricerca, ma gli utenti ci cliccano più volte rispetto al 2… Google ci alza di posizionamento! Un esempio può essere: 5 Consigli per Fare un articolo di Blog [in ottica SEO] – balza sicuramente più all’occhio rispetto a – Come scrivere un articolo di Blog in ottica Seo
  • URL Seo Friendly: ne abbiamo parlato anche in uno dei precedenti post. Cerca di mantenere una lunghezza dell’url il più possibile breve, ma non escludere le parole chiave per le quali stai cercando di posizionarti.
  • Lunghezza e LSI: prima di tutto inizia il tuo articolo con una storia…. le persone amano le storie… Un articolo di Blog che inizia con una storia aumenta il tempo di permanenza sull’articolo del 500% !! Fai capire fin da subito di cosa parlerai, strutturando l’articolo in più sotto argomenti. Cerca di essere il più possibile esaustivo ed evita di ripetere troppo le parole chiave che cerchi di posizionare (perché è una pratica penalizzante. Inserisci piuttosto delle LSI Keywords (Latent semantic indexing). Di fatto le LSI sono delle parole che Google si “aspetta di trovare” all’interno del tuo articolo! Ti è mai capitato quando fai una ricerca di vedere a fondo della pagina di ricerca di Google le “Ricerche correlate”? Si tratta proprio di questo. Google ormai è un motore semantico in grado di capire il significato di quello che scriviamo. Quindi la sostanza è, non essere ripetitivo, cerca di variare il linguaggio e ne avrai solo giovamento…
  • Immagini e tools: ora ti ritrovi con un piccolo saggio di 1500-2000 parole scritte che nessuno leggerà mai. E lo sai perché? Perché il solo testo scritto è noioso da morire !! Cerca di arricchirlo con immagini, infografiche, video ecc Più risulta scorrevole ed intuitivo all’utente, più verremo premiati dal motore di ricerca
  • CTA e Internal Linking: ok, ora stai ricevendo traffico… e il traffico ti paga le bollette? Ti fa fare fatturato? Certo che no. Quindi una cosa che è sempre sottovalutata è lo studio di una CTA Call to Action efficace. Cerca di portare gli utenti a fare un’azione o quantomeno, effettua un pò di internal linking. ES: Stai facendo un articolo di Blog su come dormire meglio? Metti un link verso uno dei tuoi prodotti!
  • Outbound Links: gli outbound links sono dei link in uscita, che puntano verso altri siti, e troverai molti articoli di SEO che sconsigliano di mettere outbound links nel tuo articolo di blog. Sembrerebbe anche logico, visto che in questa maniera incentivi le persone ad uscire dal tuo sito. Invece no! Infatti è stato provato che mettere almeno un paio di link in uscita dal tuo post, che puntano su siti rilevanti per l’argomento, quindi non solo Wiki o Amazon, aiuta effettivamente nel posizionamento del tuo articolo!
  • Social Share: Incentiva le persone a condividere il tuo articolo tramite i social Media. Prima di tutto, fallo tu, tramite i tuoi canali, ma dotati anche di tutti gli strumenti necessari per cercare di incentivare, con furbizia, questa azione, fondamentale per il posizionamento del tuo articolo.
Per oggi è tutto! So che i miei post sono sempre un pippone, ma non può essere altrimenti!!
Visto che sono curioso, fammi sapere nei commenti se hai un blog e se hai mai scritto un articolo e che risultati hai ottenuto.
Mercoledì prossimo faremo un RECAP di tutto quello che scritto sul gruppo fino ad ora e farò un sondaggio per capire quali argomenti vorresti vedere nei prossimi post!
Buon Blogging 😎
Andrea Dittadi

Andrea Dittadi

Il mio motto: "The Harder you work, the harder it is to surrender" Di Vince Lombardi Perché sono convinto che nel Web, come in tutte le cose nella vita, più si fanno sacrifici, più ci si sbatte la testa, più si portano a casa i risultati. Chi si approccia al Web, credendo di portare a casa risultati nel giro di un paio di giorni... sbaglia alla grande! Io sono qui per facilitarvi il viaggio 🚀
Email
WhatsApp
Telegram