Cerca
Close this search box.

GOOGLE ADS – CAMPAGNE VIDEO

Lo scenario iniziale: sempre più persone dichiarano che hanno acquistato un prodotto a seguito della visualizzazione di un video. Se nel 2014 il 73% delle persone lo riteneva uno step fondamentale per il loro processo decisionale, nel 2019 siamo arrivati attorno al 91%.
Youtube è il secondo sito più visto al mondo, secondo solo a Google (fonte: Alexa)
Alcune statistiche interessanti:
  • Youtube ha circa 1 miliardo di visualizzazioni di video al giorno;
  • Ogni minuto vengono caricate oltre 400 ore di video su Youtube;
  • Il fatturato di Youtube nel 2019 è di 15,5 Miliardi di €;
  • La spesa pubblicitaria su Youtube è aumentata del 36,5% dal 2018 al 2019.
Quindi Youtube non serve solo a vedere i video dei gattini?
Non proprio… ma la domanda è una..
Come possiamo noi usare in maniera efficace questo canale per promuovere la nostra attività?
Detto, fatto! Campagne video di Google Ads! Infatti, tramite Google Ads è possibile collegare i nostri canali youtube e attivare degli annunci pubblicitari ad hoc.
Ovviamente, al contrario dei canali tv tradizionali, avremo tutte le possibilità di targetizzazione del pubblico che abbiamo visto in precedenza. Oltre al fatto che potremo utilizzarlo per azioni di remarketing!
CHE TIPO DI ANNUNCI POSSIAMO FARE?
I tipi di annunci che possiamo fare su Youtube sono essenzialmente 5 + 1. Andiamoli a vedere:
  1. Annunci in-stream ignorabili: si tratta di un tipo di annunci video che possono essere “saltati” dopo 5 secondi di visualizzazione. Penso ne avrai già visti, no? In questo caso è essenziale comunicare il prima possibile al nostro utente. In questo formato, in particolare, la creatività gioca un ruolo fondamentale!
  2. Annunci in-stream non ignorabili: hanno una durata di 15 secondi (o inferiore) e vengono riprodotti prima, durante o dopo altri video. Gli spettatori non possono saltare l’annuncio! Questo è un ottimo formato per farsi conoscere (brand awareness) o per consolidare il nostro brand!
  3. Annunci video discovery: si tratta di annunci costituiti da un’immagine in miniatura del video con del testo. Sebbene varino per dimensioni effettive e aspetto in base al luogo di pubblicazione, gli annunci video discovery invitano sempre gli utenti a fare clic per iniziare la riproduzione. Possono essere posizionati nei risultati di ricerca di youtube o nei video consigliati dei canali che selezioniamo. Se usati bene possono portare ottimi risultati in termini di acquisizione!
  4. Annunci bumper: ha una durata di 6 secondi e non può essere saltato. Viene spesso confrontato con l’annuncio in-stream ignorabile in quanto ha una durata di 6 secondi, mentre quello ignorabile ne dura 5 (dopo si può saltare). In realtà quello ignorabile, può durare molto di più. Resta il punto cruciale che i primi secondi sono decisivi per comunicare il nostro messaggio pubblicitario, ma nell’annuncio in-stream ignorabile, il video può durare molto di più e può essere usato, di conseguenza, anche per creare considerazione nel brand o anche conversioni… l’annuncio bumper viene utilizzato solitamente per lanciare un messaggio accattivante e creare brand awareness.
  5. Annunci outstream: sono annunci video specifici per i dispositivi mobili che vengono mostrati solo nei partner video Google (non su Youtube). Gli annunci outstream vengono riprodotti inizialmente con l’audio disattivato. Gli spettatori possono toccare l’annuncio per riattivare l’audio del video. Personalmente non li ritengo molto interessanti e li utilizzerei solo per “saturare” il pubblico.
  6. Annunci masthead: il nostro 5 + 1 = 6 ! Perché ho voluto differenziare questo tipo di annuncio? Perché di fatto, tutti gli annunci precedenti possono essere avviati in autonomia da Google Ads… per questo tipo di annuncio, invece, è necessario contattare un rappresentante di vendita di Google. Di fatto si tratta di un annuncio video che compare nella parte superiore della home page di YouTube.
Questa è un pò una panoramica su quello che youtube ha da offrirci.
CONSIGLI UTILI
Quello che dobbiamo fare è valutare se e quando inserire questo canale nella nostra strategia di marketing. Fare un video amatoriale e sponsorizzarlo alla più non posso, può non essere la strategia corretta da adottare… I video vanno pensati e adattati alla nostra strategia di marketing, seguendo l’esperienza d’acquisto del nostro potenziale cliente… altrimenti ci troveremo solo con tante views e poco fatturato 😅
NEI PROSSIMO EPISODI (ogni venerdì su questo Gruppo):
  • Case Studio GOOGLE ADS
  • Introduzione a Google Analytics
  • Cosa Diavolo sono i parametri UTM?
  • Come creare un obbiettivo su Google Analytics
  • Come creare segmenti su GA
  • GA + Google ADS = BOOM 🧨
Andrea Dittadi

Andrea Dittadi

Il mio motto: "The Harder you work, the harder it is to surrender" Di Vince Lombardi Perché sono convinto che nel Web, come in tutte le cose nella vita, più si fanno sacrifici, più ci si sbatte la testa, più si portano a casa i risultati. Chi si approccia al Web, credendo di portare a casa risultati nel giro di un paio di giorni... sbaglia alla grande! Io sono qui per facilitarvi il viaggio 🚀
Email
WhatsApp
Telegram